Agricoltura altra e consumo critico nel piacentino

Chi coltiva, chi compra e chi ne parla – A Caratta, parte 2
    Aggiunto il 11/07/2016 | fonte www.considerovalore.it

Ho raccontato come è nata l’idea della mia guida-blog e quale fosse il mio punto di partenza: quello di un consumatore ex milanese – ammetto, curioso e un po’ intollerante a certe dinamiche di consumo – che approda qui sui colli, scopre di essere circondato da produttori (non solo vitivinicoli, più noti, ma anche orticoli e altro) e si stupisce che questi non affiorino, non dico ai forestieri, ma il più delle volte nemmeno ai residenti. Chiamo tutto questo patrimonio di invisibili: ‘sommerso buono’. Spiego come intendo la mia guida online, che ha per obiettivo non solo un’attività continua di mappatura, ma un metodo che metta in gioco le mie competenze editoriali. Il mio mestiere è complementare a quello di chi coltiva: non c’è niente di più immateriale della comunicazione e niente di più fisico della terra: eppure queste due risorse possono procedere in grande, grandissima sinergia.

continua

Ci siamo ritrovati a Caratta ed è stato bellissimo
    Aggiunto il 11/07/2016 | fonte www.considerovalore.it

Giuliana mi parla dell’intenzione della Fondazione di organizzare una tavola rotonda a cui invitare anche qualcuna di queste stesse realtà agricole, scelte tra le più curiose e significative del territorio. Apprezzo subito l’idea di concepire una giornata dove i protagonisti siano i contadini, le storie, le esperienze, in cui il taglio sia concreto e non accademico-filosofico, e gli interventi attingano dalla realtà (dura, viva, coraggiosa, costellata di fatiche ma anche esiti felici). Da parte mia, segnalo alcuni dei produttori che conosco e apprezzo. Con piacere metto a disposizione tutto il mio catalogo di contatti, non certo esauriente ma senz’altro orgoglioso, frutto di un lavoro di setaccio e di pazienza che ho cominciato anni fa: quale migliore occasione per far emergere gli invisibili che ho tanto a cuore, da comunicatore e prima ancora da consumatore?

continua

Agricoltura altra e consumo critico nel piacentino – pomeriggio
    Aggiunto il 11/07/2016 | fonte giulianacassizzi.wordpress.com

Al termine del convegno, numerose sono state le richieste di dare un seguito a questa iniziativa provenienti sia dal mondo contadino sia dai partecipanti all’incontro. Infatti è risultato evidente il forte interesse del pubblico e degli oratori a mantenere vive e proficue le relazioni, sia all’interno del mondo agricolo sia fra questo e tutti coloro che sono interessati a dare una mano, ciascuno con le proprie competenze e contributi, nello sviluppo di un’agricoltura più sostenibile. La tutela attiva del territorio e della sua identità culturale, sociale ed economica sono stati concetti ricorrenti.

continua

Agricoltura altra e consumo critico nel piacentino
    Aggiunto il 11/07/2016 | fonte giulianacassizzi.wordpress.com

Tra le tante persone contattate durante 3 mesi di indagini in provincia, dalla pianura alla montagna, è stato individuato un piccolo e vario campione di coloro che nel territorio stanno contribuendo alla transizione verso un’agricoltura sostenibile ed uno stile di vita più sobrio, legato ai ritmi della natura che spesso coincide con il ridare vita a territori abbandonati in loro difesa. Il panorama piacentino emerso durante l’indagine vivace e molto vario è stato avvalorato dall’accorato racconto delle diverse esperienze narrate. La presenza di relatori spesso molto giovani ed in ogni caso appassionati del proprio lavoro ha dato al pubblico nuova fiducia per il futuro e voglia al contempo di partecipare alla buona riuscita delle iniziative man mano descritte. Si è potuto palpare la caparbia volontà da parte di giovani imprenditori di riconquistare i territori di montagna e la necessità di diversificare le attività in collina ed in pianura.

continua

L'incontro con i produttori è fondamentale per conoscerli e informarsi sul loro lavoro; per questo aiutiamo chi organizza mercati, eventi o convegni a farlo sapere a una comunità più ampia. Segnalaci le occasioni di incontro di cui sei a conoscenza.