Azienda Agricola Maso da Tilio Bailo

Castello Tesino

La geometra che adesso alleva lumache e api
    Aggiunto il 30/01/2018 | fonte www.giornaletrentino.it

«La passione per l’orto, le piante e gli animali, i bellissimi ricordi della mia infanzia trascorsa nella natura con i nonni, mi hanno portato a tentare questa strada. Nel novembre 2014 ho iniziato a progettare la mia azienda agricola e nel marzo 2015 ho ordinato le attrezzature per una coltivazione di piccoli frutti, ho preso le prime arnie di api per la produzione del miele, mentre a settembre ho iniziato con l’impianto per l’allevamento delle lumache». Valentina per aprire la sua azienda, che si chiama Maso da Tilio Bailo in onore del nonno scomparso a cui era molto affezionata, ha dovuto faticare molto. «Per ammortizzare le spese dell'investimento, ho dovuto continuare a lavorare in uno studio tecnico e portare avanti la mia attività di agricoltrice nel tempo libero. Tutt'ora lavoro ancora qualche giornata alla settimana come impiegata per continuare a mantenermi».

continua

Valentina ha scelto la montagna
    Aggiunto il 30/01/2018

Alla scoperta di nuove idee per l'agricoltura di montagna, a Castel Tesino incontriamo una giovane imprenditrice agricola, Valentina Zotta e conosciamo la sua fattoria che è mix di animali, allevamento e coltivazioni.

Donne coraggiose dell’agricoltura di montagna, in Tesino
    Aggiunto il 30/01/2018 | fonte nuvola.corriere.it

Per arrivare al maso di Valentina bisogna scendere a valle e poi risalire verso il Passo Brocon, fino a circa 1000 metri di altitudine, per ritrovare le stesse condizioni complicate di clima e territorio. La sua azienda, Maso da Tilio Bailo, è nata nel 2015 e si concentra sulla coltivazione di ortaggi e piccoli frutti, che poi diventano succhi, confetture, sciroppi e creme. All’attività agricola ha affiancato una fattoria didattica che ospita visite e laboratori per le scuole. Oltre alle api e un allevamento di lumache, ci sono cavalli, lepri, galline, capre Pezzate Mochene, pecore Suffolk e anatre Corritrici Indiane. Per diventare agricoltrice, Valentina ha lasciato un impiego stabile da geometra e a 31 anni ha ricominciato da zero. “I nonni erano contadini e io sono cresciuta a contatto con la terra e gli animali. Quando la crisi economica ha iniziato a seminare insicurezze lavorative ho pensato di costruire un progetto mio, seguendo la mia passione. E nonostante la fatica e le difficoltà, sono felice di aver fatto questa scelta.”

continua

I contenuti sono stati prodotti o segnalati da chi conosce bene questa azienda; li abbiamo condivisi sulla nostra pagina Facebook e raccolti qui, con una breve descrizione che rimanda alla fonte per valorizzare il lavoro di tutti. Partecipa anche tu.